201611.08
0

Anche l’etera paga le imposte sui redditi (e l’IVA, se l’attività di prostituzione è abituale) (nota a Cass. 22413/2016)

I proventi derivanti dall’attività di meretricio sono soggetti a imposizione fiscale quali redditi diversi ex art. art. 67, comma 1, lett. l), TUIR se l’attività è esercitata “non abitualmente” ovvero, se caratterizzata da abitualità, come redditi di lavoro autonomo con parallela imponibilità anche ai fini dell’IVA. (Cass., sez. trib., 4 novembre 2016, n. 22413) La…

201611.04
0

Cass., sez. trib., 4 novembre 2016, n. 22413 (testo)

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. CAPPABIANCA Aurelio – Presidente – Dott. VIRGILIO Biagio – Consigliere – Dott. LOCATELLI Giuseppe – rel. Consigliere – Dott. TERRUSI Francesco – Consigliere – Dott. IANNELLO Emilio – Consigliere – ha pronunciato la seguente: SENTENZA…

201511.05
0

Tassato il surplus chilometrico quando la trasferta parte da casa (fonte FiscoOggi.it)

Scegliere di iniziare la missione dalla propria abitazione e non dall’ufficio, se la strada è più lunga, fa confluire l’eccedenza nell’ammontare del reddito di lavoro dipendente. È considerato reddito imponibile il maggiore rimborso chilometrico corrisposto al dipendente che, per raggiungere il luogo di missione, situato in un comune diverso da quello in cui è posta…

201508.07
0

Spese mediche nella precompilata: sì dal 2016, con l’ok del Garante (fonte FiscoOggi.it)

Il cittadino potrà esercitare il diritto di opposizione, decidendo di non rendere disponibili all’Agenzia delle Entrate i propri dati e di non farli inserire nella dichiarazione dei redditi. A partire dal prossimo anno, il “Sistema tessera sanitaria” metterà a disposizione del Fisco i dati sulle spese sanitarie, ai fini dell’elaborazione della dichiarazione precompilata. Tali informazioni…

201507.08
0

730 precompilato, c’è tempo fino al 23 luglio per l’invio fai da te (fonte agenziaentrate.gov.it)

I contribuenti che non hanno ancora presentato il modello 730 precompilato potranno farlo anche online fino al prossimo 23 luglio, utilizzando l’applicazione web disponibile sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate. È uno dei principali chiarimenti delle Entrate contenuti nella circolare n. 26/E di oggi con cui vengono fornite le risposte ai quesiti formulati nel corso…

201505.29
0

Unico Pf 2015: pronti i software per compilarlo e controllarlo (fonte FiscoOggi.it)

I contribuenti in possesso del pin hanno a disposizione, sul sito dell’Agenzia, un file contenente alcuni dati ricavati dalla dichiarazione 2014 e l’elenco dei versamenti effettuati. Sono, da oggi, in rete le applicazioni informatiche che consentono di compilare e controllare Unico persone fisiche 2015. Il prodotto utile alla predisposizione del modello è in grado di…

201505.15
0

Il nuovo regime forfetario: cambiano le agevolazioni per la tassazione e la previdenza di imprese e professionisti (art. 1 commi da 54 a 89 l. 190/2014)

Con la “Legge di stabilità 2015” (art. 1, commi da 54 a 89, l. 23 dicembre 2014, n. 190) è stato introdotto a decorrere dal 1° gennaio 2015 un nuovo regime tributario agevolato per le persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti o professioni: è applicata una imposta sostitutiva delle imposte sui redditi, addizionali e Irap…

201505.04
0

La dichiarazione dei redditi 2015 – Il modello Unico Persone Fisiche

Il Modello UNICO Persone Fisiche è composto da: 1) fascicolo 1 frontespizio: dati identificativi del dichiarante, informativa sulla privacy, informazioni relative al contribuente e alla dichiarazione prospetto dei familiari a carico quadro RA: redditi dei terreni quadro RB: redditi dei fabbricati quadro RC: redditi di lavoro dipendente e assimilati quadro RP: oneri e spese quadro…

201505.04
0

La dichiarazione dei redditi 2015 – Il modello 730 ordinario

Il Modello 730 ordinario (vale a dire non precompilato) può essere utilizzato dal contribuente che abbia ricevuto la dichiarazione precompilata oppure che non la possa utilizzare (ad esempio perché non ha ricevuto la Certificazione Unica (CU) per i redditi percepiti nel 2014). Come si presenta? Il Modello 730 ordinario può essere presentato al sostituto d’imposta…

201505.04
0

La dichiarazione dei redditi 2015 – Il Modello 730 precompilato

Chi lo può usare? La nuova dichiarazione può essere utilizzata da lavoratori dipendenti e pensionati qualora siano soddisfatte le seguenti condizioni: per i redditi percepiti nel 2014 il contribuente ha ricevuto dal sostituto d’imposta la Certificazione Unica (CU) per i redditi percepiti nel 2013 il contribuente ha presentato il Modello 730 oppure il Modello UNICO…

201505.04
0

La dichiarazione dei redditi 2015 – Il Modello 730

Il Modello 730 è composto da: 1) Modello 730 base informazioni relative al contribuente (codice fiscale, dati anagrafici, residenza e domicilio fiscale), dati dei familiari a carico e del sostituto d’imposta quadro A: redditi dei terreni quadro B: redditi dei fabbricati, compresa l’abitazione principale quadro C: redditi di lavoro dipendente e assimilati (ad esempio pensioni),…

201504.12
0

730 precompilato: l’Agenzia delle Entrate pubblica una guida per i contribuenti

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato una guida sulla Dichiarazione 730 Precompilata. Questo strumento si aggiunge al sito informativo e al canale YouTube. Il contribuente può accedere alla Dichiarazione 730 Precompilata sia come utente Fisconline sia come utente INPS. (fonte www.agenziaentrate.gov.it)

201409.05
0

TASI: quando e come si effettua il versamento

Obblighi dichiarativi. Ai fini della dichiarazione relativa alla TASI, si applicano le disposizioni relative alla dichiarazione IMU. Versamento. La TASI é corrisposta mediante versamento unitario ex art. 17, d.lgs. n. 241 del 1997 effettuato tramite modello F24 ovvero tramite apposito bollettino di conto corrente postale (cfr. decreto interministeriale del 23 maggio 2014). Per il versamento…

201409.05
0

TASI: aliquote e agevolazioni

Base imponibile. La base imponibile è disciplinata mediante rinvio alle disposizioni relative all’IMU (cfr. art. 13, d.l. n. 201 del 2011). Aliquota. L’aliquota di base per la TASI è pari all’1 per mille. Entro il termine fissato per l’approvazione del bilancio di previsione il Consiglio Comunale deve approvare le aliquote della TASI con deliberazione del…

201409.05
0

Cosa è la TASI

Con la Legge di stabilità 2014 (art. 1, commi 639 ss., l. 27 dicembre 2013, n. 147), il Legislatore ha modificato il sistema dei tributi mediante i quali sono finanziati i servizi comunali (cfr. “Il Prelievo sugli immobili: confronto tra l’Imposta Municipale Unica (IMU) 2012 e l’IMU-TASI 2014”, documento elaborato dal Ministero dell’Economia e delle…

201406.25
0

Il “Piano Casa 2014” – IMU per immobili posseduti da cittadini residenti all’estero

In sede di conversione del d.l. n. 47 del 2014, è stata modificata la disciplina relativa all’IMU sugli immobili posseduti da cittadini residenti all’estero, precisando che, a partire dall’anno 2015, è considerata direttamente adibita ad abitazione principale una ed una sola unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato e iscritti…

201406.25
0

Il “Piano Casa 2014” – Riduzione dell’aliquota della cedolare secca per contratti a canone concordato

Per il quadriennio 2014 – 2017, è ridotta dal 15% al 10% l’aliquota della cedolare per gli immobili locati a canone “concordato” (art. 3, comma 2, d.lgs. n. 23 del 2011). Si ricorda che la disciplina della cosiddetta “cedolare secca sugli affitti” prevede una specifica modalità di tassazione dei redditi derivanti dalla locazione di immobili…

201406.25
0

Il “Piano Casa 2014” – Detrazioni fiscali Irpef per l’acquisto di mobili

In sede di conversione del decreto legge è stato soppresso l’art. 16, comma 2, d.l. n. 63 del 2013 contenente la disciplina relativa al cosiddetto “Bonus mobili”, vale a dire la detrazione a fini Irpef riconosciuta per le spese documentate sostenute per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+,…

201406.25
0

Il “Piano Casa 2014” – Detrazioni fiscali Irpef per il conduttore di alloggi sociali

Nel triennio 2014 – 2016 ai soggetti titolari di contratti di locazione di alloggi sociali adibiti a propria abitazione principale spetta una detrazione a fini Irpef pari a: 900 euro, se il reddito complessivo non supera 15.493,71 euro; 450 euro, se il reddito complessivo supera i 15.493,71 euro, ma non i 30.987,41 euro. A tali…

201406.25
0

Il “Piano Casa 2014” – Imposizione sui redditi dell’investitore

Il “Piano Casa 2014” prevede la non concorrenza alla formazione del reddito d’impresa ai fini delle imposte sui redditi (Irpef e Ires) e alla formazione del valore della produzione netta ai fini dell’Irap di un importo pari al 40% dei redditi derivanti dalla locazione di alloggi sociali di nuova costruzione o di realizzazione mediante interventi…