201505.13
0

Accertamenti standardizzati: senza contraddittorio l’atto impositivo è nullo (nota a Cass. 6971/2015)

L’avviso di accertamento è nullo quando sia emesso senza previo contraddittorio endoprocedimentale con il contribuente. Con la sentenza n. 6971 del 2015, la Corte di Cassazione ha ribadito la centralità del contraddittorio endoprocedimentale quale strumento istruttorio idoneo a garantire l’attendibilità della rettifica induttiva fondata su strumenti standardizzati. (Cass., sez. trib., 8 aprile 2015, n. 6971)…

201503.31
0

Studi di settore: se c’è stato contraddittorio endoprocedimentale, non si applica il termine dilatorio di 60 giorni (nota a Cass. 6054/2015)

In tema di diritti e garanzie del contribuente sottoposto a verifiche fiscali, il termine dilatorio di 60 giorni per l’emanazione dell’avviso di accertamento, decorrente dal rilascio al contribuente, nei cui confronti sia stato effettuato un accesso, un’ispezione o una verifica nei locali destinati all’esercizio dell’attività, della copia del processo verbale di chiusura delle operazioni determina…

201503.26
0

Cass., sez. VI civ. – T, 26 marzo 2015 (ord.), n. 6054 (testo)

Corte di Cassazione, sez. VI Civile – T, ordinanza 18 febbraio – 26 marzo 2015, n. 6054 Presidente Bognanni – Relatore Perrino In fatto In esito ad un controllo dell’Agenzia delle entrate della dichiarazione fiscale della società, da cui era emerso che l’ammontare dei ricavi dichiarati era sensibilmente diverso da quello derivante dall’applicazione degli studi…

201502.11
0

Cass., sez. trib., 16 gennaio 2015, n. 693 (testo)

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. CAPPABIANCA Aurelio – Presidente – Dott. CIGNA Mario – Consigliere – Dott. FERRO Massimo – Consigliere – Dott. FEDERICO Guido – Consigliere – Dott. CRUCITTI Roberta – rel. Consigliere – ha pronunciato la seguente: sentenza…

201502.11
0

Elusione tributaria: la richiesta di chiarimenti non ha equipollenti (nota a Cass. 693/2015)

Con la sentenza n. 693 del 2015, la Sezione Tributaria della Corte di Cassazione ha esaminato la questione se la richiesta di chiarimenti ex art. 37 bis, comma 4, D.P.R. n. 600 del 1973 possa essere sostituita dal contraddittorio con il contribuente posto in essere in sede di verifica. (Cass., sez. trib., 16 gennaio 2015,…

201501.13
0

Cass., sez. trib., 3 dicembre 2014, n. 25561 (testo)

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. MERONE Antonio – Presidente – Dott. CHINDEMI Domenico – rel. Consigliere – Dott. BOTTA Raffaele – Consigliere – Dott. MELONI Marina – Consigliere – Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere – ha pronunciato la seguente: sentenza…

201501.13
0

Diritto di difesa: contraddittorio da attuare in ogni procedimento tributario (nota a Cass. 25561/2014)

Il diritto al contraddittorio – vale a dire il diritto del contribuente ad essere sentito prima dell’emanazione del provvedimento tributario – è funzionale all’ordinato ed efficace sviluppo dell’istruttoria (art. 97 Cost.) e realizza l’inalienabile diritto di difesa del consociato (art. 24 Cost.). La Corte di Cassazione ha ribadito che il principio generale del contraddittorio endoprocedimentale…

201407.03
0

Corte di Giustizia UE, V sez., 3 luglio 2014, cause riunite C-129/13 e C-130/13, Kamino International Logistics BV (C‑129/13) e Datema Hellmann Worldwide Logistics BV (C‑130/13) contro Staatssecretaris van Financiën (testo)

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 3 luglio 2014 (*) «Riscossione di un’obbligazione doganale – Principio del rispetto dei diritti della difesa – Diritto al contraddittorio – Destinatario della decisione di recupero che non è stato sentito dalle autorità doganali prima dell’adozione di tale decisione, bensì nella successiva fase di reclamo – Violazione dei diritti della difesa – Determinazione delle conseguenze…

201402.27
0

Conclusioni dell’Avvocato generale Wathelet nelle cause riunite C-129/13 (Kamino International Logistics BV) e C-130/13 (Datema Hellmann Worldwide Logistics BV), 25 febbraio 2014 (testo)

CONCLUSIONI DELL’AVVOCATO GENERALE MELCHIOR WATHELET presentate il 25 febbraio 2014 (1) Cause riunite C‑129/13 e C‑130/13 Kamino International Logistics BV (C‑129/13), e Datema Hellmann Worldwide Logistics BV (C‑130/13) contro Staatssecretaris van Financiën [domande di pronuncia pregiudiziale proposte dallo Hoge Raad der Nederlanden (Paesi Bassi)] «Riscossione di un’obbligazione doganale – Diritti della difesa – Principio del rispetto…

201402.27
0

Procedimento tributario: dall’Unione Europea nuovo impulso alla tutela del contribuente (nota a conclusioni dell’Avvocato generale Wathelet nelle cause riunite C-129/13 e C-130/13, 25 febbraio 2014)

Le argomentazioni dell’Avvocato generale UE nelle conclusioni relative alle cause riunite C-129/13 e C-130/13 possono essere utilizzate per rileggere alcune questioni procedimentali interne oggetto di dibattito: l’obbligatorietà del contraddittorio endoprocedimentale, le conseguenze della sua omissione e l’accertamento anticipato. (Conclusioni dell’Avvocato generale Wathelet nelle cause riunite C-129/13 e C-130/13, 25 febbraio 2014) La lettura dell’intero articolo…

201207.14
0

Preclusioni probatorie per l’atteggiamento non collaborativo del contribuente durante l’indagine fiscale (nota a 14027/2011)

SOMMARIO: 1. Il caso. – 2. La disciplina delle indagini “sul campo” e “a tavolino”: l’irrilevanza processuale dei documenti sottratti all’ispezione e di quelli non esibiti o non trasmessi in risposta agli inviti dell’ufficio. – 2.1. L’estensione delle preclusioni probatorie a notizie e dati non addotti. – 3. La ratio sanzionatoria della disciplina. – 4….

201201.16
0

Gli accertamenti standardizzati: i parametri

SOMMARIO: 1. Premessa. – 2. La disciplina (art. 3, commi da 179 a 189, l. n. 549 del 1995). – 2.1. L’inattendibilità della contabilità ordinaria (d.p.r. n. 570 del 1996). – 3. Questioni di costituzionalità. – 3.1. Sentenza n. 105 del 2003. – 3.2. Ordinanza n. 140 del 2003. – 4. La natura del d.p.c.m….

201112.21
0

Preclusioni procedimentali e divieti di utilizzazione processuale di documenti negati in sede amministrativa: due profili da non confondere (nota a Cass. 14027/2011)

La mancata partecipazione al contraddittorio procedimentale amministrativo, anche se la relativa richiesta è prevista dalla legge, non preclude le difese processuali, ma si limita a legittimare un uso meccanico dei parametri o degli studi di settore. La mancata esibizione di documenti in sede istruttoria è invece colpita dalla sanzione impropria di inutilizzabilità di tali documenti…

201112.21
0

Cass., sez. trib., 27 giugno 2011, n. 14027 (massima)

Il contraddittorio è fase essenziale nel contesto dell’esercizio del potere di accertamento fondato sull’applicazione di parametri e studi di settore. Tuttavia l’esito di tale contraddittorio da un lato non preclude l’impugnazione dell’atto impositivo e, dall’altro, consente in caso di comportamento inerte del contribuente di valutarne il contegno e di rendere sufficiente il rinvio allo strumento…

201102.16
0

Questioni ancora aperte in tema di accertamenti standardizzati (nota a Cass. 16235/2010)

Dopo le sentenze delle Sezioni Unite del dicembre 2009, la giurisprudenza di legittimità ha intrapreso un «nuovo corso» in materia di accertamenti standardizzati. Sopravvivono tuttavia alcuni fraintendimenti, come l’improprio richiamo al meccanismo dell’onere della prova e al concetto di prova contraria. Quanto al contraddittorio endoprocedimentale, emerge la tendenza a dare rilevanza al comportamento assunto dalle…

201102.16
0

Cass., sez. trib., 9 luglio 2010, n. 16235 (massima)

L’accertamento basato sui parametri prima, ed ora sugli studi di settore, costituisce un sistema di presunzioni semplici il cui fondamento non risiede nello scostamento del reddito dichiarato rispetto a questi «standards», ma nasce se il contribuente, all’esito del necessario contraddittorio, non assolve l’onere di provare l’esistenza di condizioni di esclusione di tali «standards» o la…

201007.19
0

Gli accertamenti standardizzati: l’accertamento sintetico

SOMMARIO: 1. La disciplina (art. 38, d.p.r. n. 600 del 1973: «Rettifica delle dichiarazioni delle persone fisiche»). – 2. Il metodo analitico. – 3. Il metodo sintetico. – 3.1. Il testo originario. – 3.2. Le modifiche introdotte con l’art. 1, l. n. 413 del 1991. – 3.3. Le modifiche successive. – 3.4. Il testo vigente….

200907.24
0

Comm. trib. prov. Livorno, sez. VI, 25 settembre 2008, n. 165 (massima)

Nell’ambito del procedimento di disconoscimento dei vantaggi tributari derivanti da condotte elusive ex art. 37 bis, commi 4 e 5, d.p.r. 29 settembre 1973, n. 600, l’avviso di accertamento deve essere specificamente motivato, a pena di nullità, in relazione alle giustificazioni offerte dal contribuente in risposta alla preventiva richiesta di chiarimenti. Elusione e motivazione dell’avviso…

200907.24
0

Elusione e motivazione dell’avviso di accertamento: l’atto impositivo è illegittimo qualora non indichi le giustificazioni fornite dal contribuente in risposta alla richiesta di chiarimenti (nota a CTP Livorno 165/2008)

Nella pronuncia che qui si annota, resa con riguardo al procedimento basato sul potere di disconoscimento dei vantaggi tributari derivanti da condotte elusive ex art. 37 bis, commi 4 e 5, d.p.r. 29 settembre 1973, n. 600, i Giudici di merito hanno statuito l’illegittimità dell’avviso di accertamento privo della indicazione delle giustificazioni addotte dal contribuente…

200907.09
1

Gli strumenti presuntivi di accertamento del reddito introdotti dal 1989: natura e conseguenze sul piano probatorio

Corte Suprema di Cassazione – Ufficio del Massimario e del Ruolo Relazione tematica n. 94 del 9 luglio 2009 (fonte www.cortedicassazione.it) CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO Relazione tematica Rel. n. 94 Roma, 9 luglio 2009 Gli strumenti presuntivi di accertamento del reddito introdotti dal 1989: natura e conseguenze sul piano…

200905.08
0

Cass., sez. trib., 7 febbraio 2008, n. 2816 (massima)

In tema di accertamento delle imposte sui redditi delle imprese minori e degli esercenti arti e professioni, con riguardo alla procedura di determinazione induttiva dei ricavi e dei compensi di cui all’art. 3, commi 179 – 189, l. 28 dicembre 1995, n. 549, l’utilizzazione dei parametri determinati con il d.p.c.m. 29 gennaio 1996, come modificato…