201901.11
0

L’accertamento parziale può basarsi sul metodo induttivo (nota a Cass. 32609/2018)

Con l’ordinanza n. 32609 del 2018 la Corte di Cassazione conferma che l’accertamento parziale può basarsi senza limiti anche sul metodo induttivo, non costituendo una tipologia autonoma di ricostruzione della materia evasa rispetto alle previsioni di cui agli artt. 38 e 39, d.p.r. n. 600 del 1973 e 54 e 55, d.p.r. n.633 del 1972,…

201901.02
0

‘Rivoluzione’ fattura elettronica. Cosa cambia, chi riguarda e chi potrebbe favorire

La fattura elettronica eliminerà costi di stampa, spedizione e conservazione, contrasterà le frodi e sarà semplice. Questo è quanto promette l’Agenzia delle Entrate. Ma sarà davvero così? Il Fisco tutto vede e tutto sa – La fatturazione elettronica – verso la Pubblica Amministrazione prima, ora anche tra privati (B2B) e verso i consumatori finali (B2C) – è…

201811.28
0

L’Amministrazione finanziaria ha l’obbligo di motivare l’atto risultante dall’istruttoria (nota a Cass. 30039/2018)

Nella pregevole sentenza n. 30039 del 2018 la Sezione Tributaria della Corte di Cassazione ribadisce che negli atti impositivi l’Amministrazione finanziaria deve indicare i presupposti di fatto e le ragioni giuridiche che hanno determinato la decisione dell’amministrazione, anche in relazione alle risultanze istruttorie. La motivazione del provvedimento, permettendo di comprendere la ratio della decisione adottata,…

201811.26
0

Inerenza: è detraibile l’IVA per i lavori di ristrutturazione o manutenzione di immobili di proprietà di terzi (nota a Cass. 30218/2018)

La Cassazione risolve la questione relativa al riconoscimento del diritto alla detrazione dell’IVA in ragione della sussistenza della natura strumentale dell’immobile rispetto all’attività economica in concreto svolta (o che avrebbe potuto svolgere) la società contribuente. (Cass., sez. trib., 22 novembre (ord.), n. 30218) La lettura dell’intero articolo è riservata agli abbonati di “Diritto e Giustizia“….

201810.10
0

Poteri degli uffici: l’autorizzazione del PM è richiesta soltanto in caso di apertura coattiva della borsa (nota a Cass. 24306/2018)

L’autorizzazione del Procuratore della Repubblica all’apertura di pieghi sigillati, borse, casseforti e mobili in genere, prescritta in materia di IVA dall’art. 52, comma 3, d.p.r. 26 ottobre 1972, n. 633, e necessaria anche in tema di imposte dirette, in virtù del richiamo contenuto nell’art. 33, d.p.r. 29 settembre 1973, n. 600, è richiesta soltanto nel…

201809.28
0

Risarcimento danni: Entrate condannate per violazione degli obblighi di informativa e di buona fede oggettiva a danno del contribuente (nota a Cass. 23163/2018)

L’Agenzia delle Entrate deve rispettare l’obbligo di informativa su di essa gravante, volto a consentire la conoscenza agevole delle disposizioni vigenti in materia tributaria, al fine di rendere il contribuente edotto di ogni elemento idoneo a pregiudicare il riconoscimento del proprio credito. (Cass., sez. III civ., 27 settembre 2018 (ord.), n. 23163) La lettura dell’intero…

201809.21
0

Contraddittorio endoprocedimentale: le difese del contribuente aggravano l’onere motivazionale (nota a Cass. 21786/2018)

Nell’ordinanza n. 21786 del 2018 la Sezione Tributaria della Corte di Cassazione ribadisce che, in sede di contraddittorio, il contribuente ha la facoltà di contestare le risultanze degli strumenti standardizzati provando le circostanze concrete che giustificano lo scostamento della propria posizione reddituale, con ciò costringendo l’ufficio – ove non ritenga attendibili le allegazioni di parte…

201809.05
0

Sequestro preventivo: l’ammissione al concordato preventivo esclude il fumus di omesso versamento dell’IVA (nota a Cass. 39696/2018)

E’ necessario operare un bilanciamento tra l’interesse dell’Erario e l’interesse degli altri creditori: secondo tale impostazione, in caso di sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente, non è configurabile il fumus commissi delicti del reato di omesso versamento dell’IVA nel caso in cui il debitore sia stato ammesso al concordato preventivo in epoca anteriore alla…

201807.30
0

Errori bloccanti e malattia del professionista non elidono le sanzioni amministrative per tardiva trasmissione telematica della dichiarazione (nota a Cass. 19381/2018)

In tema di sanzioni amministrative comminate, per tardiva trasmissione telematica delle dichiarazioni dei contribuenti, ad un soggetto che svolga professionalmente tale compito, grava su quest’ultimo, per poter andare esente da responsabilità, l’onere della prova di aver esercitato una adeguata diligenza. (Cass., sez. trib., 20 luglio 2018 (ord.), n. 19381) La lettura dell’intero articolo è riservata…

201807.16
0

Misure cautelari: niente sequestro preventivo se il contribuente paga quanto richiesto dal Fisco (nota a Cass. 32213/2018)

Il pagamento integrale degli importi richiesti dall’Amministrazione finanziaria con riguardo a tutte le annualità in contestazione è considerato come «elemento necessariamente ostativo alla possibilità di procedere alla confisca di quello che […] è ritenuto essere il profitto del reato e, per l’effetto, al sequestro finalizzato alla confisca medesima». (Cass., sez. III pen., 13 luglio 2018,…

201807.04
0

Misure cautelari: possono essere sequestrate anche le somme depositate sul conto dopo la notifica del provvedimento ablatorio originario (nota a Cass. 29923-18)

La Corte di Cassazione ha annullato con rinvio l’ordinanza con la quale è stato respinto l’appello contro il mancato accoglimento della richiesta di estendere l’esecuzione del sequestro preventivo fino alla concorrenza dell’importo originariamente indicato, limitandola alla minor somma sino allora appresa su un conto corrente ed escludendo che il provvedimento ablatorio potesse avere a oggetto…

201806.24
0

Salvini, rimetti a noi i nostri debiti. Ma la sua proposta per le cartelle esattoriali è fattibile?

Sono numerose le critiche alla c.d. #pacefiscale: c’è vi paventa una violazione dell’equità fiscale e l’aumento delle disuguaglianze e chi invece esclude che possano essere raccolte somme significative per il bilancio pubblico. Queste opinioni devono essere tenute tutte in debito conto per la loro autorevole fonte e per le pregiate argomentazioni che le sostengono, ma…

201806.11
0

Inerenza dei costi: i criteri di vantaggiosità e congruità compenetrano il giudizio qualitativo (nota a Cass. 14579/2018)

Nella sentenza n. 14579 del 2018 la Sezione Tributaria della Corte di Cassazione ha ritenuto deducibili i costi relativi a servizi comuni a tutte le imprese di un gruppo alberghiero (marketing, pubblicità, promozione, sviluppo e comunicazione, diretti al posizionamento sul mercato), resi da una società estera appartenente al medesimo gruppo. Nel caso di specie, l’inerenza…

201806.01
0

Riscossione esattoriale: la Consulta censura le inammissibilità delle opposizioni all’esecuzione (nota a Corte Cost. 114/2018)

La Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 57, comma 1, lett. a), d.P.R n. 602/1973 (Disposizioni sulla riscossione delle imposte sul reddito), come sostituito dall’art. 16, d.lgs. n. 46/1999, nella parte in cui non prevede che, nelle controversie che riguardano gli atti dell’esecuzione forzata tributaria successivi alla notifica della cartella di pagamento o all’avviso…

201804.27
1

Scissione societaria: è conforme alla Costituzione la responsabilità solidale illimitata delle società beneficiarie (nota a Corte Cost. 90/2018)

Con la sentenza n. 90 del 2018 la Corte Costituzionale ha dichiarato l’infondatezza delle questioni di legittimità costituzionale dell’art. 173, comma 13, TUIR, nella parte in cui prevede, in caso di scissione parziale di una società, la responsabilità solidale e illimitata della società beneficiaria per i debiti tributari riferibili a periodi di imposta anteriori alla…

201804.19
0

730, guida alla dichiarazione precompilata. Un #FiscoAmico ma non troppo

Dal #FiscoAmico arriva la dichiarazione precompilata (dagli intermediari) Da questa settimana è on line la dichiarazione precompilata. Tra le novità c’è l’inserimento di nuovi oneri e spese e delle informazioni statistiche sulla contribuzione di ciascuno alla spesa pubblica. Nonostante gli annunci trionfalistici, l’obiettivo di abbattimento del costo per l’obbedienza fiscale sembra ancora molto lontano. Lo…

201804.06
0

Reati tributari: la Cassazione precisa funzione e confini delle soglie di punibilità (nota a Cass. 15133 e 15172/2018)

Con le sentenze nn. 15133 e 15172/18, la Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione formula due utili precisazioni in materia di soglia di punibilità per gli illeciti penali: da un lato l’elevazione della soglia di punibilità compiuta con il d.lgs. n. 158/2015 ha determinato la parziale abolizione delle fattispecie incriminatrici dell’omesso versamento delle ritenute…

201803.23
0

IVA: il contraddittorio endoprocedimentale rende gli studi di settore compatibili con il diritto europeo (nota a Conclusioni Avvocato Generale Wahl, causa C-648/16)

Nelle conclusioni relative alla causa C-648/16 (ECLI:EU:C:2018:213) l’Avvocato Generale Nils Wahl sostiene che i principi di proporzionalità e neutralità fiscale, sottesi alla direttiva 2006/112/CE relativa al sistema comune d’Imposta sul Valore Aggiunto, non ostano a una normativa nazionale che consenta all’Amministrazione finanziaria di accertare l’imposta dovuta da un contribuente, che si presume non averne dichiarato…

201803.20
0

IVA: il ne bis in idem può essere limitato per tutelare gli interessi finanziari dell’Unione Europea (nota a CGUE causa C-524/15)

Il principio del ne bis in idem può essere limitato al fine di tutelare gli interessi finanziari dell’Unione Europea, ma tale limitazione non deve andare oltre quanto strettamente necessario per il raggiungimento di questo obiettivo. Nella sentenza del 20 marzo 2018 relativa alla causa C-524/15 (Menci contro Procura della Repubblica, ECLI:EU:C:2018:197) la Grande Sezione della…